L’Officina delle mille cose, il design gioca con il riuso

by Redazione, 30 novembre 2010

Pezzi unici da materiale riciclato: ne abbiamo già parlato, ma la creatività è un fiume in piena che non si arresta mai. Ecco perché le idee più belle posso nascere da una bottiglia o da scampoli di tessuto.

Abbiamo trovato queste nuove suggestioni di design all’Officina delle mille cose, dove lo scarto è una risorsa carica di storia e pronta a diventare novità…

perchè la materia abbandonata ha un forza nascosta che gli occhi attenti di un progettista non possono ignorare

L’Officina nasce nel 2008 da un’idea di Daniele Coletti e Davide Rossi, ai quali si è unito quest’anno Claudio Titone.

officina1

Il design dell’Officina è giovane come i suoi creatori, e molto divertente.

Un esempio? La Ciucalegra! Recuperando bottiglie di bevande, i designers hanno realizzato lampade da tavolo suggestive e sorprendenti, con LED a basso consumo.

E una bottiglia che diventa lampada è una bottiglia che continua a vivere, invece di venire buttata nella spazzatura. Come diciamo spesso, riuso e sostenibilità coincidono perfettamente.

C’è anche Clorofilla, una lampada ricavata da tubi industriali, tappi di plastica ed un vaso di terracotta.

Bella ed ecologica.

Nell’officina si aggirano anche personaggi dal design caratteristico: sono i Machu Picchu, i suoi abitanti. Loro sono stati creati con stoffe e scampoli riciclati e sono unici, ognuno ha le proprie caratteristiche distintive.

officina2

Non solo design per arredare, ma dal quale prendere ispirazione per abbracciare una vita più sostenibile!

Abbiamo fatto qualche domanda a Daniele Coletti, Product Designer dell’Officina.

Daniele Coletti/Product Designer, Officina delle mille cose

Perché e quando avete scelto la strada dell’ecosostenibilità?

La strada del riuso e del riciclo in verità è sempre stata nel mio DNA, non buttare via niente, aggiustare le cose…poi con gli studi di design (siamo tutti reduci dal Politecnico di Milano) ha iniziato a prendere sempre più forma progettuale portandomi ad una tesi di laurea proprio sul riuso, e finendo poi nella prima intuizione del grande puff, nata proprio da un telone di pvc di cui non volevo disfarmi, ed alla creazione di un vero e proprio marchio di re-design insieme ai miei due compari. Il tema dell’eco-sostenibilità è quanto mai attuale e di grande importanza, quindi unendo la passione all’indole ed alle buone intenzioni…beh eccoci qui.

Dove trovate l’ispirazione per realizzare i vostri progetti e come scegliete i materiali ai quali dare una nuova vita?

E’ una domanda difficile a cui rispodere, come quando si chiede ad un cantante se scrive prima la musica o le parole dei suoi pezzi; in verità non c’è un’ispirazione vera e propria, le cose nascono un po’ insieme, magari uno ha un’idea progettuale, o un’idea sul tipo di scarti da utilizzare o addirittura sul processo di produzione, o come capita più spesso semplicemente un’intuizione. La scelta dei materiali è un po’ per piacere, un po’ per necessità e un po’ per sfida; riuscire a dare una nuova vita a scarti o sfridi di lavorazione o avanzi di magazzino è veramente un processo edificante perché ti rendi conto delle cose che con la buona volontà e con l’impegno si riesce a realizzare, si può davvero fare molto, e partendo dal niente (in tutti i campi! E forse anche qui in italia!!). Comunque per noi i materiali hanno tutti pari dignità anche se alcuni sono veramente magici, come gli scarti di produzione delle vele da imbarcazione

Quali progetti avete in cantiere per il futuro?

Proprio con le vele da imbarcazione… abbiamo appena ultimato una nuova e splendida lampada, che vedremo tra non molto on-line: Albero Maestro.
Una vera chicca!

Commenti

  1. upnews.it scrive:

    L’Officina delle mille cose, il design gioca con il riuso…

    Pezzi unici da materiale riciclato: ne abbiamo già parlato, ma la creatività è un fiume in piena che non si arresta mai. Ecco perché le idee più belle posso nascere da una bottiglia o da scampoli di tessuto. Abbiamo trovato queste nuove suggestioni di…

Commenta la notizia

Lascia questi due campi così come sono: