Particolari in ferro, il design con una storia

by Redazione, 3 dicembre 2010

L’evoluzione del design è strettamente legata alla storia della tecnica e dei materiali e all’evoluzione del gusto. Storia / evoluzione è il contrasto, solo apparente, cardine di un progetto portato avanti dal designer-fabbro Alessandro La Rocca.

ParticolariFerro4

Il suo studio è a Vigliano Biellese. E prima di lui in questo spazio lavorava il padre, gestendo l’officina meccanica di famiglia. Ecco perché lo studio del designer è prima di tutto un luogo ricco di storie e carico di suggestioni.

Alessandro La Rocca lavora il metallo realizzando pezzi di design inediti e dalle caratteristiche forti, che puntano ad evocare e sottolineare le caratteristiche naturali dei materiali.

Così nasce ad esempio un divertente portaombrelli dalla forme morbide e dal colore sgargiante.

ParticolariFerro6

Il colore naturale del materiale viene però preservato nella maggior parte degli oggetti realizzati dal designer biellese, come dimostra questa lampada.

ParticolariFerro2

Le sue creazioni sono davvero molto interessanti e abbiamo deciso di saperne di più. Di seguito potete leggere una breve intervista nella quale Alessandro ci racconta un po’ dei suoi segreti.

Alessandro/Particolari in ferro

Lavori in una ex officina meccanica: quanto del tuo lavoro deriva dall’osservazione di tuo padre, che la gestiva?

Certamente mio padre è una figura chiave importante nella realizzazione di tutte le mie costruzioni artistiche. Da 35 anni l’officina meccanica si trova accanto alla casa in cui sono cresciuto perciò osservare la passione di mio padre per il suo lavoro, vederlo utilizzare certi macchinari ed imparare i trucchi del mestiere del fabbro è stata una cosa naturale. Questa osmosi è fondamentale per spiegare il mio sfogo artistico sui metalli e nello stesso tempo la voglia di vivere l’officina in modo tradizionale.

Le forme che ti ispirano sono, evidentemente, molto morbide e naturali: da cosa prendi spunto per creare?

Credo che le linee morbide, e severe al contempo, che offre la natura, siano state d’importante ispirazione per disegnare i miei manufatti. Ho ripreso forme semplici che mi hanno permesso di usare tubolari e lamiere metalliche di uso comune. Ecco perché ho deciso di mettere in risalto con vernici trasparenti le diverse sfumature del ferro, la saldatura e le piccole imperfezioni del lavoro.

Utilizzi anche materiali di scarto per realizzare le tue opere?

Sì, ho utilizzato spesso materiali ritrovati nell’officina di mio padre come scarti di anni di lavoro. Molte costruzioni sono state realizzate partendo proprio dalla disponibilità di questi tubolari di recupero, facendo il percorso inverso rispetto alla mia normale fase di progettazione.

Cosa significa per te avere scelto la strada del design?

Non credo di aver scelto questa strada consapevolmente, forse mi ritrovo in questo ambito più per gioco o semplicemente per la voglia di sfogare la mia creatività su ferro e acciaio.

Quali sono i progetti che realizzerai nel prossimo futuro?

Spero di prender parte ad alcune esposizioni artistiche che mi diano la possibilità di mostrare i miei lavori, sensibilizzando il maggior numero di persone. Per me è molto importante confrontarmi con le opinioni della gente, pareri da cui trarre dei feedback reali che mi incentivino ad insistere o meno su questa strada.

Commenti

  1. upnews.it scrive:

    Particolari in ferro, il design con una storia …

    L’evoluzione del design è strettamente legata alla storia della tecnica e dei materiali e all’evoluzione del gusto. Storia / evoluzione è il contrasto, solo apparente, cardine di un progetto portato avanti dal designer-fabbro Alessandro La Rocca….

  2. Diego scrive:

    Da amico ed amministratore del comune di Vigliano Biellese (non Bigliano!) sono orgoglioso che Alessandro faccia conoscere, insieme al suo grande talento, anche il nome di Vigliano in giro per l’Italia e, ne sono certo, fra poco si parlerà di lui anche oltre i confini nazionali.
    Le sue opere sono un concentrato perfetto di caratteristiche solo apparentemente in contrasto: sono semplici eppure geniali; realizzate con materiale grezzo eppure raffinate e di gran classe. Alessandro riesce ad innovare, pur restando fedele alla tradizione e all’arte imparata nelle vecchie botteghe artigiane, dove si forgiavano idee, prima ancora che pezzi di ferro.
    Al pubblico suggerisco di andare ad ammirare l’ampia gallery delle opere realizzate sul suo sito http://www.particolariinferro.com , resterete piacevolmente colpiti.
    Bravo Alessandro, continua così. Tutta Vigliano è orgogliosa della tua Arte
    Diego

  3. Anna scrive:

    Wow…. dopo un commento come quello di Diedo che dire di più?
    ….. non ci conosciamo da molto ma dai tuoi lavori traspare il tuo carattere sicuro ma al tempo stesso riservato……con tanto da dire, ma solo per chi è davvero interessato…. e i tuoi “pezzi” sono così: non puoi apprezzarli veramente se ti fermi alla fredda apparenza del ferro…… se non ci vedi il divertimento nell’immaginarli….. e poi la fatica e la soddisfazione nel realizzarli! Bravo Ale!!!!!

Commenta la notizia

Lascia questi due campi così come sono: